DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE : Importanza e obblighi

Importanza e obblighi

Per garantire la sicurezza dei lavoratori il datore di lavoro deve assolvere ad alcuni obblighi di legge che garantiscano la sicurezza sui luoghi di lavoro ma anche la sicurezza personale dei lavoratori.

Ciò consiste nell’obbligo di fornire i DPI, dispositivi di protezione individuale per i lavoratori.

Per dispositivo di protezione individuale si intende qualsiasi attrezzatura destinata a essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggersi contro i rischi che minacciano la sicurezza e la salute dello stesso durante il lavoro.

Sono considerati DPI anche ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo, come le attrezzature utilizzate al fine di proteggere chi svolge lavori con pericolo di caduta dall’alto (imbracature di sicurezza).

Non ne fanno parte invece i mezzi tecnici per il salvataggio di persone da situazioni pericolose (ad es. attrezzature di sollevamento).

 

Importanza dei DPI

I DPI sono fondamentali in cantieri e in tutti i luoghi lavorativi sensibili. Ma spesso la sottovalutazione del problema sicurezza ne scoraggia l’utilizzo.

L’inosservanza delle norme di sicurezza, anche delle più comuni, è la principale causa dell’altissimo numero di incidenti sul lavoro.

Sono molte le ricerche che hanno messo in luce come la maggior parte dei lavoratori consideri bassa o del tutto assente la possibilità di incorrere in un infortunio.

Ciò può essere però risolto sfruttando la forza dell’informazione, dando così una forte percezione del rischio ai lavoratori.

È provato infatti che l’uso corretto e continuativo dei dispositivi di protezione individuale è influenzato dall’aver ricevuto informazioni corrette a essi correlate. La consapevolezza dei rischi reali a cui si può andare incontro, con il dettaglio anche agghiacciante delle conseguenze del non utilizzo, ha un effetto estremamente positivo. Il lavoratore che ha preso visione in maniera chiara e documentata degli esiti drammatici della “non sicurezza” si convince immediatamente dell’importanza della prevenzione e si responsabilizza.

I dispositivi di protezione individuale non influiscono sui pericoli e non li eliminano. Tuttavia, possono ridurre o eliminare gli effetti dei pericoli sulle persone. L’utilizzo dei DPI contribuisce quindi in misura sostanziale a evitare infortuni e malattie professionali e a ridurre i relativi costi.

 

 

Obblighi del datore di lavoro in tema di DPI

Le responsabilità del datore di lavoro iniziano al momento di individuare tra i DPI disponibili quelli più idonei a proteggere specificatamente il dipendente dai pericoli presenti sul luogo di lavoro, evidenziati dalla valutazione del rischio.

Inoltre il datore di lavoro deve:

  • fornire DPI conformi alle norme del decreto (marcatura CE), stabilirne le condizioni d’uso e disporne una manutenzione tale da garantire la perfetta efficienza.
  • assicurarsi che le informazioni indispensabili all’uso dei DPI siano disponibili nell’impresa in una forma e una lingua comprensibili ai lavoratori che li utilizzano.
  • organizzare riunioni di formazione ed esercitazioni per i lavoratori interessati, per verificare che i DPI siano utilizzati nel rispetto delle istruzioni impartite (art. 77, D.Lgs. n. 81/2008).
  • aggiornare la scelta dei DPI in ogni caso di variazione del rischio in un luogo di lavoro.
  • addestrare in particolare il personale sulla utilizzazione dei dispositivi di protezione dell’udito e di quelli destinati a salvaguardare dai rischi di morte o di lesioni gravi.

 

Obblighi dei lavoratori in tema di DPI

I lavoratori e/o i loro rappresentanti sono in ogni caso informati dal datore di lavoro sulle misure adottate a tutela della loro salute e sicurezza con l’impiego dei DPI (art. 78, D.Lgs. n. 81/2008).
Il dispositivo non deve intralciare i movimenti ed in particolare deve essere indossato in permanenza, per tutto il tempo in cui è presente l’esposizione al rischio da cui deve proteggere.
I lavoratori hanno l’obbligo di utilizzare correttamente i DPI, di averne cura e di non apportare modifiche, segnalando difetti o inconvenienti specifici e devono sottoporsi al programma di formazione e di addestramento quando necessario.

 

 


CATEGORIE DPI

I DPI sono suddivisi in tre categorie (con grado di protezione crescente).

 

  • Categoria I

DPI semplici che proteggono da rischi minimi e la cui efficacia può essere giudicata direttamente dall’utilizzatore.

Fra questi figurano ad esempio occhiali da sole per uso privato e guanti per lavori di giardinaggio.

 

  • Categoria II

Fra questi figurano ad esempio gli occhiali di protezione, protezione del piede e anti taglio e i caschi.

 

  • Categoria III

DPI finalizzati a proteggere contro pericoli mortali o che possono nuocere gravemente e in maniera irreversibile alla salute, e dei quali l’utilizzatore non può riconoscere in tempo gli effetti immediati.

Ad esempio: DPI finalizzati a proteggere da fattori chimici e biologici, cadute dall’alto, ambienti freddi (temperature inferiori o pari a – 50 °C) o scariche elettriche, i dispositivi di protezione dell’udito, apparecchi di protezione respiratoria, attrezzature per immersione e antincendio.

I DPI delle categorie II e III devono essere sottoposti a un esame CE del tipo da parte di un organismo accreditato.

 

 

 

Per informazioni contattare il numero 0587 398148 

Leave a Reply

Your email address will not be published.