CORSO PER CONDUZIONE CARRELLI ELEVATORI

Il corso carrelli elevatori ha l’obiettivo di trasferire ai partecipanti le necessarie conoscenze per l’utilizzo, in sicurezza, dei carrelli elevatori.
Al fine di facilitare l’apprendimento e la partecipazione attiva, il corso alterna la lezione frontale con momenti di problem solving e proiezioni multimediali.

E’ prevista inoltre, una parte pratica in campo di 4 h con effettuazione delle verifiche periodiche secondo manuale del carrello e movimentazione dei carichi nel rispetto delle norme di stabilità del carrello elevatore.

 

 

STRUTTURA  CORSO FORMAZIONE CONDUZIONE CARRELLO ELEVATORE

🔹 Tipologie e caratteristiche dei vari tipi di veicoli per il trasporto interno:

  • dai transpallet manuali ai carrelli elevatori frontali a contrappeso.

 

🔹 Principali rischi connessi all’impiego di carrelli semoventi:

  • rovesciamento
  • caduta del carico
  • ribaltamento
  • urti delle persone con il carico o con elementi mobili del carrello
  • rischi legati all’ambiente (ostacoli, linee elettriche, ecc.)
  • rischi legati all’uso delle diverse forme di energia (elettrica, idraulica, ecc.).

 

🔹 Nozioni elementari di fisica:

  • nozioni di base per la valutazione dei carichi movimentati
  • condizioni di equilibrio di un corpo.
  • Stabilità (concetto del baricentro del carico e della leva di primo grado).
  • linee di ribaltamento.
  • stabilità statica e dinamica e influenza dovuta alla mobilità del carrello e dell’ambiente di lavoro (forze centrifughe e d’inerzia).
  • portata del carrello elevatore.

 

🔹 Tecnologia dei carrelli semoventi:

  • terminologia, caratteristiche generali e principali componenti.
  • meccanismi, loro caratteristiche, loro funzione e principi di funzionamento.

 

🔹 Componenti principali:

  • forche e/o organi di presa (attrezzature supplementari, ecc.).
  • montanti di sollevamento (simplex – duplex – triplex – quadruplex – ecc., ad alzata libera e non).
  • posto di guida con descrizione del sedile, degli organi di comando (leve, pedali, piantone sterzo e volante, freno di stazionamento, interruttore generale a chiave, interruttore d’emergenza), dei dispositivi di segnalazione (clacson, beep di retromarcia, segnalatori luminosi, fari di lavoro, ecc.) e controllo (strumenti e spie dì funzionamento).
  • freni (freno di stazionamento e di servizio).
  • ruote e tipologie di gommature: differenze per i vari tipi di utilizzo, ruote sterzanti e motrici.
  • fonti di energia (batterie di accumulatori o motori endotermici).
  • contrappeso.

 

🔹 Sistemi di ricarica batterie:

  • raddrizzatori e sicurezze circa le modalità di utilizzo anche in relazione all’ambiente.

 

🔹 Dispositivi di comando e di sicurezza:

  • identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento
  • identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
  • sistemi di protezione attiva e passiva.

 

🔹 Le condizioni di equilibrio:

  • fattori ed elementi che influenzano la stabilità.
  • portate (nominale/effettiva).
  • illustrazione e lettura delle targhette, tabelle o diagrammi di portata nominale ed effettiva.
  • influenza delle condizioni di utilizzo sulle caratteristiche nominali di portata.
  • gli ausili alla conduzione (indicatori di carico e altri indicatori, ecc.).

 

 

 

 

Per informazioni contattare il numero 0587 398148 e chiedere della Sig.ra Veronica Fredianelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.